Coccioli di mare con aglio e prezzemolo: un piatto ricco di storia

I Coccioli sono noti in particolare per il loro sapore unico. Hanno infatti un gusto intenso, deciso, una vera prelibatezza

Coccioli, chiamati a Taranto anche “Lumache di mare” o “Murici” sono dei molluschi dall’aspetto inconfondibile e dal sapore davvero particolare.

Vengono estratti da una conchiglia lunga circa 6 centimetri, dalla particolare forma a clava, stretta in basso e larga nella parte superiore.
Nella parte superiore, vi è una vistosa fessura da cui viene estratto il mollusco, protetto da un piede calloso che consente al mollusco di spostarsi in mare e di proteggersi.

Ai tempi degli antichi greci, i coccioli erano utilizzati per la lavorazione della Porpora. Erano infatti disponibili in misura copiosa nei mari tarantini, particolarmente nella zona del Mar Piccolo in prossimità della Villa Peripato. Da ogni singolo mollusco, veniva estratto una sola goccia di colore. Per realizzare un mantello, ne servivano migliaia.
Perciò, i manufatti realizzati con la porpora erano particolarmente ambiti e soprattutto costosissimi e appannaggio solo delle classi molto agiate. 

I Coccioli sono oggi noti in particolare per il loro sapore unico.
Hanno infatti un gusto intenso, deciso, una vera prelibatezza. 

In cucina, vengono proposti come antipasto oppure, come secondo piatto, possono essere cucinati in umido, in zuppe, nei sughi.

Noi oggi li abbiamo preparati con la ricetta semplice pugliese e cioè conditi con aglio olio e prezzemolo: vengono prima lavati accuratamente e posti in una casseruola e ricoperti con abbondante acqua salata.

Poi vengono cotti a fuoco lento, scolati e lasciati raffreddare. Infine, vengono sgusciati e conditi con prezzemolo, aglio e olio extra vergine d’oliva.

Vieni ad assaggiare questo piatto prelibato nel mio Ristorante tipico tarantino Santa Caterina, in viale Magna Grecia 94!

Informazioni e prenotazioni:
TEL 0997351766

Seguici sui social:
0
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
Pinterest